Primo Giveaway Torquitax-Eireen

 

 

 

 

 

 

Parla Torquitax: Ne è passato di tempo da quando ho deciso di aprire il blog, comunicare i miei pensieri, pubblicare le mie parole e espormi cosi al giudizio di estranei che in una maniera del tutto casuale avrebbero incontrato il mio spazio, lo avrebbero letto e nella migliore delle ipotesi avrebbero lasciato una traccia del loro passaggio commentando uno dei post. Ero uno sbarbatello fresco di laurea, con tanti sogni nel cassetto, con la passione per la Germania e Monaco in particolare. Bramoso di esprimermi liberamente, senza filtri o timori di offendere chicchessia. Poi, una sera d´agosto, mi sono imbattuto nel blog di Eireen, durante la ricerca frenetica di un´opportunitá per espatriare, per impacchettare la valigia e sistemarmi nella cittá italiana piú a nord. Che rivelazione e che risate il suo blog. E quanto coraggio trasudava da quei post. Anch´io voglio fare come lei pensavo, anch´io voglio sperimentare tutto questo. E senza rendermene conto diventavo un suo fan nonchè lettore affezionato. La parte migliore dopo i post erano ovviamente i commenti. Non si capisce l´importanza dei commenti finchè non se ne ricevono e figuratevi la gioia quando la mia prima commentatrice è stata proprio lei, Eireen. Il resto è storia. Il mio blog racconta tutto. Come ho partecipato alle selezioni per il tirocinio e come in una maniera del tutto imprevista abbia avuto la mia opportunità, delle difficoltà incontrate al mio arrivo qui e di come sempre lei mi abbia salvato. Confrontando le nostre impressioni da blogger, entrambi siamo d’accordo nell’affermare che un blogger non può realmente essere tale senza i suoi lettori, senza i commenti che gli assidui o i saltuari lasciano, contestando, polemizzando, suggerendo nuove idee, dicendosi assolutamente d’accordo. Quello che voi lettori ci date non ha prezzo, è prezioso, sono i vostri commenti che ci spingono ad osservare più attentamente, a essere il più dettagliati possibili, a perfezionare il nostro stile nel tentativo di farvi ridere. Sentiamo che è quindi venuto il momento di sdebitarci un poco con voi, di offrirvi un pezzo della nostra esperienza, di donarvi un segno tangibile della nostra riconoscenza. Insomma, questo Giveaway è per voi!

Per conoscere le regole e le modalitá di partecipazione, lascerò ora la parola alla mia stimabile collega Eireen. A me spettava l’introduzione, spero di non avervi fatto cadere addormentati (che son stato pesante forte, diciamolo pure va’), ma anzi di avervi un filo inorgogliti e perché no, anche incuriositi!

Cari lettori, riprendo il filo del discorso di Torquitax. Torquitax, chi è costui, mi sono domandata la prima volta che ho notato un suo commento ad un mio scritto. Da brava blogger incuriosita, sono così andata a cliccare sul link che compariva e toh, che cosa ti scopro? Un divertentissimo, nonchè interessante e coinvolgente blog, in cui si parlava di tutto un po’, della Germania, di argomenti di attualità, di sogni, di progetti. E più leggevo, più m’intrippavo. Più andavo avanti a scuriosare tra i post, più ero incollata allo schermo con pop-corn e bibita, canottiera e rutto libero. Insomma, pensavo, questo Torquitax scrive proprio benino, bravo lui! E così continuavo a seguire le sue avventure on line e ad appassionarmi al suo progetto di emigrare, sostenendolo virtualmente e facendo le capriole per aria alle notizie dei suoi progressi. Finchè un giorno il nostro eroe è emigrato davvero in quel di Monaco; poi la vita ci ha portato a conoscerci di persona e a “ciacolare” spontaneamente come due comari imbizzarrite, parlando e sparlando dei reciproci ed altrui blog e delle nostre vite. Ed ecco che un giorno, tra uno scambio di e-mail pettegole e l’altro, è nata questa pazza idea del Giveaway. Perchè in effetti, come ha sottolineato Torquitax, i nostri blogghi non sarebbero quello che sono senza i nostri lettori, dai fan più convinti, a quelli che passano di qua una volta sola e poi basta, a quelli che cliccano sui nostri post per noia, a tutti quelli che sognano un giorno di abitare in Germania come noi.

Dunque, per andare dritti al punto: siore e siori andiamo a esporvi di seguito il regolamento del primo Giveaway Torquitax-Eireen (ta-dàààà!).

Attenzione, però, si tratta di un Giveaway diverso dagli altri, non con le solite regole, non con le classiche richieste sul tipo:

Per partecipare alla premiazione è indispensabile nell’ordine: mettere “Like” su Facebook a questo post. Non avete un profilo FB? Apritevelo. Condividere il post su Twitter. Non avete nemmeno un account Twitter? Apritevelo. Segnalare questo scritto su Google +. Non sapete che cos’è Google +? Neppure io, ma apritevi un account e segnalate lo stesso. / Parlare a tutti i vostri amici dei nostri blog e convincerli a diventare “followers” insieme a voi. / Lasciare un commento per ciascuno dei nostri singoli post fin dalle origini dei nostri due blogghi.

No, cari lettori, noi pensiamo che se qualcuno ha voglia di segnalare uno dei nostri post su un qualsiasi social network o di lasciare un commento, dovrebbe farlo spontaneamente.

Tutto quello che vi chiediamo, invece, e che ci piacerebbe davvero vedere è una vostra testimonianza di poche righe dal titolo “Per me la Germania è…”. Dite quello che pensate della terra in cui vivete, vorreste trasferirvi oppure anche, perchè no, odiate con tutto il cuore. Lasciatevi sgorgare da dentro poche – o molte – parole e condividete quello che vi passa per la testa. Scrivete sotto a questo post, su uno o su entrambi i blog, ciò che questo titolo v’ispira.

Vi lasciamo dieci giorni di tempo per esprimervi e il 19 marzo, dopo che una giuria accuratamente selezionata con criteri rigidissimi (composta cioè da me e Torquitax), avrà scelto il commento più interessante, pubblicheremo il nome del vincitore. Attenzione, dunque, la scelta del vincitore non sarà effettuata con un meccanismo random, come solitamente nei Giveaway. Qui contano piuttosto la creatività e la fantasia.

E che cosa vince il vincitore, direte giustamente voi, ormai giunti allo stremo della curiositá? Bene, ecco un’altra novitá rispetto ai soliti Giveaway. Il vincitore potrà infatti scegliere il suo premio tra quelli elencati di seguito, tutti strepitosi e imperdibili, dei veri e propri maipiùsenza.

1-    Uno splendido libro “111 posti da non perdere a Monaco di Baviera” (in tedesco natürlich);

2-    Un’affascinante raccolta di cartoline storiche su Monaco in preziosa scatola di alluminio;

3-    Un imperdibile classico sempre attuale di Monaco: il boccale di birra tradizionale. Un must per decorare i vostri salotti.

4-    Una scorta di specialità bavaresi, quali Weisswurst e Leberkäse.

5-    Una bella confezione del tipico Kräutersalz, per poter condire al meglio le vostre pietanze ed arricchirle di vero sapore germanico.

Che dite? Sono abbastanza ghiotti i nostri premi? E allora che cosa aspettate? Date il via al gioco, non esitate, lasciate una vostra traccia qua sotto. E in bocca al lupo!!

I vostri Torquitax ed Eireen

Annunci

24 risposte a “Primo Giveaway Torquitax-Eireen

  1. oh ma che bello! non partecipo mai ai giveaway perché trovo un po’ irritante dover segnarlo su FB, twitter o dir si voglia, se passo dal blog vuol dire che lo leggo e cio’ dovrebbe bastare al blogghista..va beh è la mia opinione ora mi spengo 😉
    partecipo quindi a questo proprio per la sua natura antisocialnetwork, che poi pure il blog è socialnetwork ma soft, e poi mi piacerebbe vincere il libro su monaco o il boccale!
    Per me la Germania è:
    – i miei vicini di casa, a volte troppo chiacchieroni, che continuano a dire “das Problem ist” ricordandomi sempre che Problem è neutro, chissà perché? forse perché è comune a uomini e donne?!
    – quelli che “cavolo come parlano bene il tedesco”
    – che mi fanno sempre sentire sicura, con un tedesco al tuo fianco sai tutto di tutto! e le auto come le fanno loro, anche li’, neutro..Das Auto 😉
    – il paese delle mille cittadine universitarie e dei mille e piu’ boccali di birra diversi, ogni città/paese è felice di poter avere la sua di birra!
    – il paese che ti fa apprezzare sempre e comunque uno spicchio di sole..è il momento giusto per mettersi in maglietta e bersi una birra, rigorosamente gelata!
    Mi fermo qui, la parola ai vostri numerosi altri lettori 🙂

  2. che idea fantastica!!
    “Per me la Germania è… nonostante il mio rappoorto di amore-odio con la lingua tedesca (sono laureata in lingue) e il clima che magari non è dei più favorevoli per me che amo il sole e il caldo, la Germania è avanti in tutto e per tutto credo sia uno dei migliori posti al mondo per vivere, ricordo quando una decina di anni fa sono stata a Friburgo ed ero rimasta stupita dal calore, non è vero che i Tedeschi son ofreddi anzi! e dal fatto che all’epoca c’era già raccolta differenziata addirittura dei vari tipi di vetro! 🙂
    Monaco invece mi manca mi piacerebbe molto visitarla al pià presto, il tempo di accumulare un po’ di Geld 🙂
    Marialice

  3. antonella togato

    la germania per me è lavoro ,fabbriche ,birra e autorità e rispetto per le leggi…..forse ci andrò a vivere un giorno …..qui in italia le cose stanno andando proprio male

  4. LAURA VALZY

    CHE MERAVIGLIA! EHEHEH! PARTECIPO E CONDIVIDO, SONO LAURA VALZY.
    GRAZIE MILLE! ^_^
    LA MIA MAIL è valzy87@yahoo.it
    GERMANIA=PAESE IN CUI ESPATRIARONO I MIEI AVI, PAESE DI POSSIBILITà.

  5. Francesca Loveredhair

    Io vivo in un paese turistico molto frequentato da tedeschi in estate per cui sin da bambina ho avuto modo di stare a contatto con questo meraviglioso popolo che a volte sembra un pò freddo ma in realtà se ti si affezionano sono in grado di darti molto =)
    Da giovani anche i miei genitori emigrarono in Germania e ci rimasero per alcuni anni, infatti ancora oggi parlano benissimo la lingua..
    mi piacerebbe poterci andare un giorno 🙂

  6. Ciao,partecipo al vostro bellissimo contest perchè trovo i premi particolarmente appetitosi…diciamo che mi avete ingolosita e l’argomento Germania mi piace non poco!Dunque non annovero tra i miei avi gente che si è trasferita in Germania (vabè,avevo un nonno che fu fatto prigioniero dai tedeschi durante la guerra ma facciamo che non conta…),però ci sono stata diverse volte (turismo,Erasmus,visite ad amici…)e conosco abbastanza bene Berlino,Monaco e Francoforte.Belle città,d’accordo,diversissime tra di loro,cero.Le accomuna però una serie di cose,non tutte positive.Per esempio,mi dava molto fastidio che lì i negozi chiudessero prestissimo.Ok,negli ultimi anni la faccenda si sta liberalizzando. Fino a una quindicina di anni fa in Germania i negozi chiudevano alle sei del pomeriggio. Da qualche anno invece alcuni supermercati possono stare aperti fino alle dieci di sera.
    Rimane il problema della domenica, giorno in cui le città tedesche diventano delle ghost town desolate, fatte di saracinesche abbassate e palle di rami secchi fatte rotolare dal vento. Nelle città più grandi c’è sempre un supermercatino striminzito dai prezzi triplicati nella stazione centrale o qualche chioschetto turco con poca scelta, ma generalmente rimanere coi pensili della cucina vuoti di domenica in Germania significa risolvere i morsi della fame davanti a un distributore automatico di snack in qualche stazione della metro. Cena a base di M&M’s e Coca Cola, non so se mi spiego.
    Ma non è solo una questione di spesa casalinga. Trovatemi un posto CHE NON SIA STARBUCKS dove andare a prendere un caffé di domenica pomeriggio a Francoforte.
    Poi vogliamo parlare dei costi per i mezzi di trasporto?Una corsa singola su di un bus costa più di due euro…sì,vabè…ma funziona tutto bene e i mezzi sono precisi:ma viaggiare costa un’occhio della testa e qualche ritardo lo fanno anche loro.Ne avrei ancora da dire ma non vorrei dilungarmi troppo:una cosa positiva è la socialità tedesca.La Germania mi ha fatto capire cosa è veramente l’isolamento delle persone,facendomi amare moltissimo la famosa socialità mediterranea.E ho detto tutto.

  7. Per me la Germania è il Paese che ha dato al mondo la parola “Heimat”, che incarna un concetto che in quanto emigrante mi è particolarmente caro.

  8. ciao a tutti, pesanti e leggeri.
    Ho messo Like su FB e anche tweetato..
    PER ME LA GERMANIA E’: ricordi. ricordi vari. ricordi di vacanze, tre bellissime vacanza, 4° superiore (la mia prima canna..wow.. a Monaco) , un interrail con i miei amici dell’Università, Norimberga e Colonia che belle! e l’ultima con una mia carissima amica Barbara un ultimo dell’anno a Monaco!

  9. dopo il primo anno di vita a Monaco posso dire che..la Germania per me e´ il paese:
    delle congruenti contraddizioni.
    del disordine riordinato.
    dei timidi estroversi.
    insomma e´ il paese che ti aspetti, ma per scoprirlo davvero devi indagare a fondo..

  10. Il mio primo viaggio all’estero è stato in Germania grazie al mio migliore amico che è per metà tedesco che mi ha portato con lui per qualche settimana verso Hamburgo dove abitava suo padre,Monaco dove ora vive e la cittàdina di Osnabruck dove vive sua madre,insomma ho potuto godermi dei bei giorni,dove ho imparato a mangiare le robe del posto che a dire la verità non sono niente male certo non bisogna esagerare,ho visto posti incantevoli e credo ero l’unica non sapere nulla della lingua….ma mi son divertita lo stesso….spero di ritornarci quanto prima.

  11. Per me la Germania e’:
    la mia ragazza e la sua citta’, Monaco, naturlich! 🙂
    i miei carissimi amici Andrea (Remscheid) Theresa (Bonn) e Christian (Leipzig) con cui ho condiviso un anno insieme per un servizio civile in Inghilterra, nel quale abbiamo costruito una solida amicizia che continua negli anni
    il paese in cui andro’ a vivere tra poco piu’ di un mese (dopo 4 anni di Irlanda). Pertanto credo che la Germania piu’ che essere…sara’ parte della mia prossima vita!

  12. Per me la Germania e’ avventura, paura, sfida. Speranza per un domani migliore.
    (A Monaco da 40 giorni)

  13. Hermania…

    Dove il cielo divertito
    osserva bianche nuvole rincorrersi
    spinte dal vento,
    dove alture danno appoggio a sacre mura
    che mani rabbiose nei secoli
    han tentato invano di abbattere,
    dove l’oceano indugia nel cercare
    facili approdi ad antichi velieri,
    trasformati ora in navi che piu’
    non lo temono…

    Terra di amanti del mare,
    terra di gente che ha vinto nei secoli
    non con la forza, ma con la dolce pazienza
    aspettando il ritorno di figli, mariti e padri
    partiti e molte volte mai tornati…

    Cosa resta dell’ antica gente,
    delle storie sussurrate da tenere voci
    a piccole testoline rosse
    nascoste sotto coperte inumidite
    dal vento salso del mare,
    nascoste, sperando al risveglio
    il rivedere il volto amato…

    Terra da amare,dove il cielo da sempre gioca
    con bianche nuvole sospinte dal vento,
    che gioca con speranze di lontane fortune
    da pochi raggiunte…

    Hermania mia, ti ho rivista un giorno di Novembre
    ti ho rivista e il tuo cielo mi ha donato
    arcobaleni di luce
    e canti lontani
    hanno accompagnato il mio
    triste lasciarti…

    valuzza89@hotmail.it

  14. La MIA Germania è Amburgo e significa libertà.
    Il posto dove per la prima volta ho vissuto da sola, il posto dove per la prima volta ho scoperto che i tedeschi sono anche simpatici e zuzzurelloni, dove ho scoperto che sui laghi puoi anche camminare, che è possibile andare in bicicletta sotto la neve, che anche al nord ci possono essere 30 gradi, che un raggio di sole puo’ renderti felice, che la metro è un posto dove poter leggere un libro, che puoi vestirti come ti pare ed essere chi vuoi, nessuno te ne farà pentire camminando per strada. E’ anche il posto dove ho smesso di aver paura di uscire la sera da sola e dove se lavoro è giusto che mi paghino. Rimane ancora una sfida, la loro lingua, ma ce la faro’ 🙂

  15. Ciao Eireen e ciao Torquitax! La Germania è: (è stata, nel mio caso come sapete, Monaco) finalmente la realizzazione nel lavoro, dove svolgevo la mansione per la quale ho studiato e non avevo il solito lavoro di ripiego. Dove il mio lavoro veniva pagato e pagato bene. E dove il tempo libero veniva occupato con mille attività in una città ricca e bellissima.
    Katia

  16. Ciao 🙂 Per me la Germania é una nuova opportunitá, vivere e non sopravvivere, partire dal basso, bassissimo ma sapere che se hai pazienza e capacitá arriverai in alto. La Germania é strade pulite, opportunitá, bellezza fredda, austera, autentica. Me la sto passando male qui nel Saarland, cerco lavoro e per ora nulla, vivo con poco denaro e digiuno molti giorni…se potessi tornare indietro temo che rifarei tutto. Ne vale la pena.

  17. Per me la Germania e’:
    – vedere crescere mio figlio sicuro, bilingue ed indipendente
    – vedere persone fuori dai bar, a bersi qualche cosa, nonostante il freddo _MA_ con le coperte fornite in dotazione
    – vedere i sandali con i calzini portati in modo disinvolto
    – vedere il traffico scorrevole nonostante ci siano cumuli di neve ovunque
    – sapere che tutto e’ affidabile (ad eccezione di Telekom, ma questo e’ un caso personale… ; ), fatto in tempo e preciso
    – puntualita’ nei mezzi di trasporto
    – avere una tetto (casa), un bimbo, un compagno, un lavoro (sicuro)

  18. Per me la Germania è…. il mio paradiso a soli 500 km di distanza, il paese con la città più vivibile al mondo (Monaco), l’Europa Park, l’autostrada verso Monaco in mezzo alla foresta nera, la Birra con B maiuscola, il piacere di camminare nelle vie della città (a Milano si è perso da tanto tempo), gli sterminati e tantissimi parchi di Monaco… per me la Germania è il mio futuro.

  19. Ciao Eireen e Torquitax, siete proprio forti! Sono Maddalena; vi ho scoperto da pochissimo ma mi sto mettendo in pari con la lettura dei vostri interessanti diari.
    Dunque, devo dire cos’è per me la Germania…. bè innanzitutto un paese bellissimo dove trascorrere le vacanze in bicicletta, con piste ciclabili incredibili e sicure; il paese dove, anche se parlo molto male la lingua perchè ho iniziato a studiarla da qualche anno per hobby, quando chiedo qualche informazione e sfodero il mio migliore, incomprensibile, tedesco, mi aiutano tutti, fingendo di capirmi… e poi è il paese che ha per capitale una città meravigliosa e poliedrica.
    ciao ciao!

  20. Che bello: posso finalmente uscire dal lurkaggio vincendo la timidezza e l’imbarazzo del primo commento (d’altronde, se il metodo del bastone e della carota funzionava già anni or sono, un motivo c’è).
    Per me la Germania è dove abita la mia metà, Mein Freund -che non riesco mai a capire come distunguano il termine da un amico qualunque. E’ andare in giro con lederhose e dirndl, è continuare a dire ‘Bitte’, è fare fatica a sollevare il boccale di birra. E’ la sua famiglia, tipicamente Ost, che mi racconta le barzellette sugli italiani e sui West. E’ girare Dresda con del Gluhwein caldo in mano. Sono io che gli insegno a cucinare e scuoto la testa davanti alla sezione sandali dei negozi di scarpe -giuro, è enorme. E’ la mia passione per questo paese, nata fin da quando ero piccola, ed è la cosa straordinaria di poterla condividere con lui. E’ calma, rispetto, ordine e sentirsi a casa. 🙂

  21. ok dopo diversi ripensamenti mi decido a scrivere qualcosa pure io..Io mi sono trasferita decisamente un anno e mezzo fa a norimberga per via del mio ragazzo che nel frattempo e diventato marito.per me la germania rappresenta la mia vita indipendente, una città vivibile dove si può raggiungere tutto con la bicicletta e la metro nei lunghi mesi invernale.Imparare una lingua diversa, seguire corsi di tedesco conoscendo tantissime persone da tutto il mondo.penso che la Germania sarà il paese in cui prob nei prossimi anni vivrò e sarà la nazione di mio figlio|a..

    Cmw proprio bel blog che seguo con piacere

  22. Bhe, dico la mia….premetto che non voglio nessun premio, preferisco tastare sul campo queste cose, poi non sono legata agli oggetti piuttosto a cio’ che essi rappresentano. Comunque non so cosa rappresenti la Germania per me, perche’ ancora non ho avuto il piacere di conoscerla personalmente, piuttosto posso dire cosa mi avete trasmesso voi della Germania. Ho sentito Il vostro rispetto per un terra che nonostante il suo clima impervio, vi abbia finalmente ricosciuto come suoi figli, vi ha restituito la vostra dignita’, vi ha dato delle possibilita’, vi ha dato la speranza di credere ancora…………………………………………………….

    • Grazie del contributo Silvana, anche se fuori tempo massimo per il premio 😉 Molto apprezzate le tue parole. Sul clima impervio avrei qualcosa da dire, visto che anche oggi, ad esempio, piove senza rimedio 😦