La saga del materasso

Oltre all’estenuante saga del bidet, io e il marito supersonico qua in Germania abbiamo dovuto affrontare anche la sfibrante "saga del materasso". Quando ci siamo trasferiti a Monaco, infatti, siamo arrivati nella casa appartenente a zio Fritz che, come detto nel post precedente, era stracolma di oggetti di ogni genere, ivi compresi materassi e letti risalenti all’epoca della seconda guerra mondiale. Ora, io vi lascio immaginare lo stato in cui erano prima di tutto i materassi: sfondati, sformati e soprattutto polverosissimi. Credo che gli acari si fossero installati ben bene là dentro e negli anni avessero costruito confortevoli nidi, forse vere e proprie abitazioni, magari condomini, con tanto di riunioni bimensili. E secondo me la domenica erano pure capaci di ritrovarsi tutti in giardino per il barbecue.
Dunque abbiamo deciso che fosse il caso di dare una bella svecchiata e cambiare tutto. Infatti il letto e relativo materasso che avevamo in Italia erano stati buttati via prima dell’espatrio, per sopraggiunta anzianità di servizio. La prima cosa che abbiamo dovuto affrontare qui a Monaco è stato appunto l’acquisto di un materasso nuovo. Solo che non avevamo fatto il conto che un paio di “ostacoli”. Abbiamo girato un po’ i negozi e ci siamo accorti che in Germania non vendono materassi doppi, almeno qui in Baviera! Solo singoli. Mah. Solo che i costi ci sono parsi abbastanza inaffrontabili: già ci toccava comprare due materassi invece di uno e poi a che prezzi. Allora il m.s. ha avuto un’idea: compriamo un materasso in Italia, magari di quella celeberrima marca che vende in TV. Quelli sì che sono materassi di qualità e ci si dorme bene sopra: se invece compriamo qui, chi ci garantisce che poi non ci viene mal di schiena e quant’altro? Così abbiamo chiamato la ditta e ci siamo informati: ma non si fanno consegne all’estero.  E adesso? Semplice: si fa arrivare la merce presso il deposito in Italia nel quale è custodito tutto il nostro mobilio in attesa di essere consegnato a Monaco. Detto fatto, abbiamo chiamato la ditta e abbiamo effettuato l’operazione, d’accordo col traslocatore. Il giorno in cui è arrivata la nostra roba, ci siamo accorti però, che la rete matrimoniale acquistata insieme al materasso non passava per le scale di casa e quindi non è stato possibile metterla al piano di sopra, dove c’è la camera da letto! Che fare? Usare due reti singole che avevamo in casa come rimpiazzo e sperare che la ditta fosse disposta a cambiarci la doppia con altro (e da qui parte il filone di un’altra saga, che forse un giorno vi racconterò).
Poi si è trattato di andare a cercare il letto, mentre usavamo ancora i vecchi letti singoli, affiancati tra loro. Gira che ti rigira, finalmente abbiamo trovato il letto ideale presso un enorme negozio di mobili simil-IKEA. Eravamo tutti esaltati, perché il letto era disponibile subito in magazzino e la consegna sarebbe stata a brevissimo, invece delle classiche 6-8 settimane di attesa!!! Il giorno in cui è arrivato il giaciglio, il m.s. l’ha montato e poi mi ha chiamata in ufficio. Mi aspettavo una telefonata trionfante e invece sento una voce mogia mogia: “Ehm…abbiamo fatto un piccolo errore di valutazione…”. In pratica che cos’era successo? Che il letto misurava 180x200cm e il materasso, invece, 160x190cm! Diversi standard tra Italia e Germania! In buona sostanza il materasso con la sua rete navigava letteralmente nella struttura del letto, costituita essenzialmente di quattro assi di legno tenute insieme (si veda foto nel file allegato). Da ciascun lato del letto vi erano quindi 10 cm di vuoto tra bordo del materasso e bordo del letto e anche in fondo, vicino ai piedi, vi era del vuoto. Orrore. Che fare adesso? Così il letto non poteva certo rimanere, era inguardabile, improponibile, esteticamente insopportabile e anche poco pratico, con quei vuoti sempre da scavalcare. Vi riassumo quindi tutti i tentativi di fatti per cercare di risolvere la drammatica situazione:

  • Telefonato alla ditta in Italia che ci aveva venduto il materasso, spiegato la storia pietosa, sperando fosse ancora possibile un cambio. Purtroppo non solo il cambio non era più possibile, ma anche se lo fosse stato, avremmo dovuto incaricarci noi di riportare o far spedire il materasso in Italia e affrontare i costi di riportarlo su. A quel punto meglio comprarne uno nuovo.
  • Andati in un negozio di materasso, raccontato la curiosa vicenda e chiesto se ci avessero fatto uno sconto, nel momento in cui avessimo comprato un materasso da loro e consegnato il nostro “vecchio”, in realtà quasi nuovo. Niente da fare.
  • Tornati nel negozio simil-IKEA, esposto la tragica problematica e chiesto se potessero riprendersi il letto, usato pochissimo, e magari darcene un altro più piccolo. È già tanto se non ci hanno riso in faccia.
  • Esposto un annuncio in bacheca sul mio posto di lavoro, sperando di vendere il materasso e comprarne poi uno nuovo, almeno avendo recuperato i soldi del vecchio. Nessuna risposta, nessun interesse.

A quel punto tutto sembrava perduto: avremmo dovuto rassegnarci a dormire per anni in quella specie di mostro, di combinazione mal riuscita e magari a dover spiegare a tutti gli ospiti come mai e saremmo stati condannati a darci dei cretini da soli per tutta l’eternità. Invece no. Il solito deus ex-machina ha fatto il suo ingresso in scena: il marito supersonico stesso ha avuto un’idea brillante, ingegnosa, ma allo stesso tempo semplicissima. Se solo ci fosse venuta in mente subito! Ci saremmo risparmiati giri su giri, arrovellamenti mentali, telefonate e richieste a destra e a manca. È stato così facile mettere tutto a posto, per fortuna.
Ora faccio la simpatica e lancio una sfida tra commentatori: non vi dico in che cosa sia consistita la soluzione a questa pena, vi lascio il piacere d’indovinare. Voi che cosa avreste fatto al nostro posto? Lanciate proposte, escogitate idee. A colui o colei che indovina quanti fagioli ci sono nel barattolo, andrà un weekend a Monaco in una delle nostre stanze per gli ospiti. Che ne dite?

materasso

Annunci

15 risposte a “La saga del materasso

  1. ciao eireen,se fosse successo a me avrei  optato in 2 modi:
    1) avrei messo sopra la rete una tavola in legno leggermente + piccola del letto e leggermente + grande del materasso,  in modo da pareggiare le 2 cose. Eventualmente sopra la tavola in legno (dal Praktiker la fan su misura) avrei messo un bel telo colorato. Inoltre forse sarebbe stato anche un vantaggio per la skiena.
    2)Oppure avrei comprato un materasso su misura per quel letto e avrei usato il materasso sbagliato per la camera degli ospiti, comprando un letto su misura per quel materasso.
    Da quel ke ho capito hai 3 camere da letto, per cui immagino ke i mobili da sostituire siano stati + di uno.
    Ps: se avessi indovinato, ringrazio del we a monaco,ma preferirei regalarlo a torquitax …so ke ci tiene molto alla nostra monaco
    katia

  2. Ciao Katia, lo sai che ci sei andata vicina? Avevamo pensato entrambe le tue due soluzioni sai? Erano nel girone delle possibilità, ma poi le abbiamo scartate. Grazie del tentativo: riprova, sarai più fortunata! 😉

  3. Mi ci sono spremuto le meningi tutto il pome e ho ideato due soluzioni:

    1) visto che materasso e sua rete non si possono toccare, l'unica cosa che resta è modificare la struttura letto. Quindi prendo le dovuto misure, studio ben bene i buchi predefiniti e li ripropongo sulle misure del materasso. Le assi lunghe così ricollocate sarebbero a filomaterasso e andrebbero a eliminare quei fastidiosi buchi tra materasso e struttura letto.

    2) elimino per direttissima le assi lunghe e lascio solo testiera e pediera, coprendo la rete del materasso, altrimenti antiestetica se a vista, con un bel lenzuolo lungo, così da creare un effetto un po' chic e lussuoso.

    Queste le due solutioni che ho scovato. Saranno sicuramente sbagliate. Ma mi sembravano semplici e lineari. E come si sa, l'importante non è vincere, ma partecipare.
    Grazie a katia per il bellissimo pensiero di girare a me il we in caso di sua vittoria. Un gesto commovente. Grazie a manetta ^^

  4. son perplesso. io ho  comprato il materasso matrimoniale (180×200) da karstadt. l'ho pagato un botto, ma ottenendo la consegna a domicilio e il disfacimento di quello vecchio.
    anche a IKEA (quella vera) ho trovato dei materassi matrimoniali, senza contare i negozi di materassi sparsi per la citta'. a chi hai chiesto?

  5. Beh, io avrei rimosso le assi laterali. Lo so che è già stato proposto da Torquitax, pazienza, se abbiamo indovinato in due ti toccherà invitarci entrambi(tanto hai 2 camere degli ospiti no?) 🙂
    Quassù nel nord della Germania i materassi doppi si trovano, hanno dimensioni e forme sempre diverse da quelli italiani pero' ci sono.
    Io piuttosto avrei problemi con i cuscini, sono quadrati ed enormi, aiuto!
    Bianca Hamburg

  6. Anche noi l'abbiamo preso all'Ikea.
    Un bel 140 x 200 in lattice e schiuma, ma c'erano anche da 160-180 x 200. 

    La soluzione……dunque, ne ho pensate due:

    1) avete comprato un'altra struttura 
    2) avete tolto la struttura lasciando solo il materasso e la rete

  7. segare la parte in più del legno della struttura per adattarla alla nuova? sempre che al m.s. piaccia il bricolage!
    ps come mai il negozio simil-ikea non te l'ha cambiato? non esiste la possibilità di ripensamento?! (sgomento).
    Elle

  8. secondo me Eireen… avete segato il letto. 
    Terry

  9. Purtroppo è successo anche a noi negli ultimi due spostamenti: Asmara e Istanbul e sempre con Ikea. Solo ora ho capito che all'Ikea ci sono due misure del letto matrimoniale, una larga 140 e una 160. I materassi li abbiamo dovuti cambiare due volte…
    Non riesco proprio a immaginare la vostra soluzione, sigh!
    Destinazioneestero

  10. Piuttosto vorrei chiedere se è abitudine dei tedeschi usare cuscini giganteschi in cui la testa sprofonda letteralmente (praticamente è come dormire poggiati sul materasso) ? Non usa imbottirli ?

    Per il letto…boh…..credo che la soluzione l'abbiano già suggerita altre persone, sopra di me.

  11. Buonasera a tutti, vecchi e nuovi!!! Mi fa un piacere enorme vedere che ho suscitato un po' la vostra curiosità e che state partecipando con tanto entusiasmo al gioco dei fagioli nel barattolo. Che dite, metto su anche io una hot line come la Raffaella Carrà?
    Pronto! Chi sei e da dove chiami?
    Pronto sono Giacomo da Bari.
    Ciao Giacomo benvenuto! Bellissima città Bari, salutiamo tutti i baresi! Allora quanti fagioli ci sono nel barattolo?
    Ehm veramente non saprei.
    Ma dai, buttati, prova!!!
    Boh…diecimila?
    Bravo, ci sei andato VI-CI-NI-SSI-MO1
    etc….etc…
    Carissimi, vi lascio ancora 1 giorno o 2 per fare tentativi e poi vi svelo tutto! 😉
    Anonimo #10, sì è vero: i tedeschi dormono in cuscini quadrati giganteschi e morbidissimi, dove si sprofonda. Io quando li avevo, li piegavo in due per farli assomigliare ai nostri. Adesso però ci siamo comprati cuscini all'italiana con relative fodere!

  12. Personalmente avrei comprato un Teppich e ci avrei messo sopra i Matratzen direttamente a terra…
    Gischio

  13. NOn ho letto i commenti
    Duqneu… un lato rimpinzat benissimo con dei bei cuscini come si deve.
    🙂

  14. Ciao Eiree, devo dire che queste situazioni sono al quanto noiose e le idee in quel momento sembrano che anche loro non giochino a tuo favore! Penso che dopo qualche giorno di considerazioni varie io avrei agito a steps come segue:
    1. considerando che materasso, rete e struttura di legno sono una costante (almeno da quanto ho capito), l'unica soluzione che mi viene in mente é quella di far combaciare ad un angolo della struttura di legno il materasso e la rete.
    2. Mi sarei fatto fare a questo punto su misura una base di legno da mettere sotto il materasso delle dimensione del letto
    3. Essendo rimastra una L perfetta tra materasso/rete e struttura di legno mi sarei fatto fare con la spugna o un materiale simile una L, appunto, da incastrare come a tetris, oppure due I.
    La L o i due pezzi magari di altezza simile a quella del materasso 😉

    ciao ciao 

    Carino

     

  15. Rispondo a der Pilger: non sapevo che da Karstadt avessero i matereassi doppi aaaargh! Ma il porblema del prezzo pazzesco sarebbe rimasto e anche del fatto che non sai come ci dormi sopra. In ogni caso siamo andati a chiedere per il cambio da Segmüller e, lo devo ammettere, i nostri tentativi sono morti lí, non è che ci siamo sbattuti poi troppo! 😉